Ultime news sul virus Ebola…

Cari lettori,

lo staff di ItalianShow ha deciso di proporvi un argomento che sta creando scalpore da circa sette mesi. Stiamo parlando del virus Ebola e in questi giorni si sono riaccesi casi di potenziali contagi tra la popolazione Europea. In Italia cresce la tensione riguardo a questo agente patogeno.

Negli Stati Uniti non ce l’ha fatta il paziente zero Thomas Duncan, morto dopo essere stato sottoposto a terapie molto dispendiose e all’avanguardia, in un centro specializzato alla lotta contro la febbre emorragica.

In questi giorni secondo alcune organizzazioni, stanno crescendo le chiamate per riscontri potenziali di virus Ebola.  in Italia, arrivano i primi casi sospetti, ma per ora non ci sono riscontri. Il ministro Lorenzin rassicura, ma nel paese è già psicosi: ospedali affollati e caccia ai sintomi del virus Ebola.

Negli Stati Uniti il capo dei centri di controllo e prevenzione delle malattie ha affermato che Ebola è la peggiore epidemia dai tempi dell’Aids negli anni ’80”

Little Moe, il robot progettato per sconfiggere Ebola

Un mini robot in grado di sterilizzare gli ambienti e di uccidere il virus Ebola: è questa la novità hi-tech della compagnia Xenex di San Antonio (USA) riportata da TechCrunch. Little Moe, questo il nome del macchinario, funziona a raggi ultravioletti: posizionandolo in una stanza dove può essere presente il virus, i suoi raggi allo xeno – un gas non tossico – sono in grado di danneggiare il DNA di ebola.

Con 1500 impulsi al secondo emanati fino a 3 metri in ogni direzione, Little Moe rende sicuro un ambiente contaminato da Ebola. Little Moe impiega solo due minuti per distruggere Ebola su una superficie, mentre altri virus possono essere eliminati in cinque minuti e il costo di ogni unità è di 104 mila dollari, già 250 ospedali statunitensi usano questo macchinario di ultima generazione. Per maggiori informazioni:

Virus Ebola e Virus Ebola: Novità davvero sconcertanti. Se avete ritenuto utile questo articolo pubblicatelo sui maggiori social e se desiderate seguirci 24/24 ore ecco la nostra app per smartphone:

Se vuoi sostenerci e aiutarci nella scrittura degli articoli, clicca su dona. Te ne saremo grati :-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*